Vendere su Facebook? Moltissime le opportunità se hai un Ecommerce!

Facebook sta affinando sempre di più le sue funzionalità e offre ricche occasioni di business a chi vende online.

È – erroneamente – luogo comune pensare che Facebook e i suoi annunci servano per generare esclusivamente brand awareness ed engagement, senza portare alla vendita.

Posto che le campagne Facebook ads sono sicuramente funzionali a far conoscere il proprio brand, a coinvolgere l’utente, a generare traffico di qualità verso il proprio sito e ad acquisire contatti, è altrettanto certo che esse siano in grado di generare veri e propri acquisti. Più passa il tempo, infatti, più Facebook sta diventando, a tutti gli effetti, una piattaforma su cui comprare.
Per assicurarmi che tu conosca le potenzialità di Facebook per vendere online, di seguito ti parlo di alcuni degli strumenti di cui non puoi fare a meno se possiedi un ecommerce:

1. La vetrina: è una tab che puoi aggiungere nella tua pagina Facebook e che ti permette di inserire i prodotti dell’ecommerce descrivendone i dettagli, tra cui il prezzo. La Call to Action rimanderà all’ecommerce per completare l’acquisto.

ecommerce

Tra le funzionalità degne di nota dello strumento vetrina, c’è la possibilità di visionare gli insight, modificare ogni tipo di informazione inserita, mettere in evidenza 10 dei prodotti caricati e aggiungere il tag del prodotto di riferimento nei post della pagina.

2. Il remarketing dinamico: non è un segreto che la chiave per ottenere CTR e tasso di conversione alti sia mostrare all’utente un contenuto rilevante. E cosa c’è di più rilevante che mostrargli, anzi ri-mostrargli, all’interno di un annuncio i prodotti che ha visto sul tuo sito web? Gli annunci dinamici di Facebook sono uno strumento potente. Per poterli utilizzare è necessario caricare il tuo catalogo prodotti su Facebook e installare il pixel sul tuo ecommerce. Gli annunci dinamici verranno mostrati in maniera che le informazioni, tra cui il prezzo e le quantità, siano continuamente aggiornate e vadano di pari passo con le informazioni trasmesse dall’ecommerce.

prodotto_emust3. Pubblico personalizzato detto anche“custom audience”: targetizzare i tuoi annunci su un pubblico personalizzato significa lavorare su utenti che già conoscono il tuo brand. Su Facebook, infatti, a meno che tu non sia il proprietario di un brand già fortemente noto, è difficile vendere prima di mettere in atto un processo per cui il tuo brand venga conosciuto dall’utente. Grazie al pubblico personalizzato è possibile caricare file, come la lista dei tuoi contatti o la lista di persone che hanno visitato il tuo sito e altro ancora, mostrando così le tue inserzioni ad utenti che già ti conoscono e che durante questa fase è possibile trasformare in utenti paganti.

4. Pubblico simile anche detto “lookalike”: è un altro strumento molto interessante che ti permette di creare un pubblico simile ad uno che già hai e che quindi è altamente probabile che sia interessato al tuo brand. Ad esempio la tua lista contatti, i fan della tua pagina Facebook, gli utenti che hanno acquistato sul tuo sito, gli utenti che hanno visitato una determinata landing page, ecc…

5. Formati creativi: le creatività che è possibile utilizzare nelle campagne Facebook sono tra le più svariate e danno la possibilità non solo di far conoscere il proprio prodotto, ma anche di raccontare una vera e propria storia.
La tentazione per gli inserzionisti ecommerce è quella di rendere tutte le immagini dell’annuncio concentrate sui prodotti, ma questa tecnica da sola su Facebook non funziona. Alcuni degli annunci più performanti per ecommerce sono basati su un formato carosello, slideshow o video che includono un mix di immagini di prodotti e immagini di lifestyle. Devi sempre ricordare che Facebook non è un luogo dove la gente va a fare shopping. Su Facebook l’utente non sta cercando il prodotto, ma viene investito dal prodotto mentre si sta svagando. E’ quindi necessario intrigarlo per ottenere la sua attenzione sul tuo prodotto, mentre tu lo stai promuovendo.

Cuoieria

6. Tracciare il valore di conversione all’interno di Facebook: anche se stai già utilizzando il monitoraggio UTM, e puoi quindi vedere le performance dei tuoi annunci su Google Analytics, puoi monitorare il valore dell’acquisto anche su Facebook.

7. Ottimizzare le tue campagne per conversione: la misurazione delle conversioni – in questo caso degli acquisti – ti permette di ottimizzare le tue inserzioni e mostrarle agli utenti più propensi ad acquistare sul tuo ecommerce. Creando un pixel standard di Facebook e integrandolo con l’azione “acquisto”, potrai aggiungerlo alle pagine del tuo sito web in cui si verificano le conversioni, ad esempio la pagina degli acquisti, e vedere quante conversioni vengono effettuate grazie alle tue inserzioni di Facebook.

Questi sono solo alcuni degli strumenti che Facebook offre per ottimizzare le tue vendite online, ma la piattaforma è in continua evoluzione per rispondere ai bisogni dell’utente in maniera sempre più completa.

Hai un ecommerce e vuoi sapere come ottimizzare le tue vendite? Contattaci!

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi