Statistiche Social Media: in Italia circa 1,7 milioni di gestori di blog [report]

confusion-information

Human Higway e Liquida hanno appena reso pubblici i risultati di un’analisi da loro condotta sul ruolo giocato dai blog nell’informazione di attualità all’interno della quale è stata tracciata una mappatura della vita nella blogosfera: sul totale degli utenti che utilizzano Internet almeno una volta alla settimana (24,4 milioni di individui), ben il 23,1% di questi (ovvero 5,6 milioni di individui) legge assiduamente e in modo consapevole i blog in generale, mentre il 20,1% (4,9 milioni di individui) si concentra su quelli di attualità. I commentatori rappresentano invece il 13,1% della popolazione online (3,2 milioni di individui), mentre i gestori di blog si attestano al 6,9% (1,7 milioni di individui).

Il numero di lettori di blog di attualità è passato, tra il 2009 e il 2010, da 500.000 a 565.000 individui, balzando così in un solo anno dal 21,0% al 23,1% dell’intera popolazione di Internet.

Gli utenti Internet che si informano attraverso la lettura di blog di attualità rappresentano il 7% della popolazione online. Di questo 7%, però, una buona parte (ossia il 5,3%) si informa anche attraverso quotidiani cartacei e online.

Il profilo di coloro che si definiscono lettori assidui di blog è ben delineato e si differenzia dalla media dell’utenza Internet: essi sono per lo più uomini, di età adulta (si collocano tra i 35 e i 54 anni) e con un livello di istruzione più elevato della media.

Sembra che oggi i blog stiano però perdendo l’identità ben definita che avevano subito acquisito, invece, alla loro nascita, avvenuta sette anni fa, poiché ogni blogger, dopo aver generato contenuti sul proprio sito, li rende disponibili sui propri social media (Facebook, FriendFeed, Twitter…) riducendo così il blog ad una voce tra le tante presenti in rete.

La continua crescita d’utilizzo dei media sociali come strumenti capaci di veicolare contenuti può portare la rete a diventare un “mare magnum” di eccessiva informazione? E se questa fosse una possibilità reale, in che modo noi utenti potremmo valutare la qualità dei contenuti continuamente generati? Che dite?

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi