Social game: un’opportunità per i brand

I social games registrano, ormai da parecchio tempo, un successo sempre crescente. Il social gaming è diventato infatti un fenomeno di massa nonché oggetto di un’indagine compiuta da Saatchi & Saatchi e Ipsos OTX MediaCT, e riportata da eMarketer, da cui emerge come la metà degli utenti internet americani compresi tra i 18 e i 44 anni giochi ai social games ogni giorno.

Questi giocatori assidui sono per lo più studenti e si compongono per il 54% di uomini e per il 46% di donne. Tra i possessori di tablet ben il 66% gioca giornalmente mentre tra i possessori di smartphone la percentuale è del 53%.

Social Games

Ma perché si gioca? Gran parte degli intervistati ha dichiarato di giocare per ammazzare il tempo ma non solo… Molte persone giocano anche al lavoro: il 14% si dedica a FarmVille o a Bejeweled Blitz in ufficio per almeno un’ora al giorno!

La buona notizia per i web marketers è il fatto che molti utenti sono ben disposti ad accogliere l’ingresso dei brand all’interno di questo mondo: quasi due giocatori su cinque scelgono il gioco online come via preferenziale per la conoscenza di nuovi prodotti e gli sconti sono considerati un forte incentivo a portare a termine le sfide dei social games dal 57% degli intervistati.

Anche i programmi di fedeltà a punti sono considerati un ottimo stimolo ma per molti il semplice raggiungimento dello status di “campione del gioco” all’interno della community di giocatori è già di per sè considerato una ricompensa sufficiente.

Se siete interessati a conoscere alcuni dati riguardanti il social gaming non perdetevi questo infographic!

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi