Keywords dinamiche per campagne Adwords

google adwordsOggi parliamo di campagne adwords! Quanti di voi hanno letto fino alla nausea, “il punteggio di qualità influisce sul posizionamento” e bastaaaaa, ho capito che il punteggio di qualità influisce sul posizionamento della mia keyword!

Ma non è che adesso mi metto a modificare 35.000 pagine di atterraggio per aumentare il punteggio di qualità, faccio spendere di più al cliente, tanto paga LUI!

In questo preciso momento parte un meteorite e si scaglia contro l’ignaro Adwords Specialist di turno che non sa fare il suo lavoro:

Ah ma quindi tu sei un Adwords Specialist Super Mega Trik e Trok?

Noooooo, altrimenti i miei amici Ylenia R., Rossella C. e Alberto N. mi prenderebbero a cazzotti!

Sì ma allora mi spieghi cosa vuoi?

Aiutare gli Adwords Specialist a fare meglio il loro lavoro e adesso vediamo il perchè!
Sì, perchè Google è vero che ha tolto il tracciamento delle keywords dalla parte organica ma per fortuna l’ha lasciato su Adwords, quindi possiamo utilizzare questa cosa per migliorare il punteggio di qualità degli annunci.

Oooooh, finalmente adesso allora mi spieghi come si fa!
E se te lo spiego poi io a chi vendo questa cosa? :-)
Scherzo, entriamo nel vivo.

Presupposti :

1 – avere un sito con molti prodotti e con molte varianti

2 – avere un budget di almeno 150€/gg di investimento Adwords

Perché?

Perché se investi meno l’agenzia o il professionista di turno non riuscirà a metterti in piedi quest’impianto perché sarebbe dispersivo per te e per lui.
Spiegazione:
Tutti conosciamo le regole:
Il punteggio di qualità è una stima del livello di pertinenza di annunci, parole chiave e pagina di destinazione per un utente che visualizza l’annuncio. Un punteggio di qualità alto indica che i nostri sistemi considerano il tuo annuncio, la tua parola chiave e la tua pagina di destinazione pertinenti e utili per un utente che visualizza il tuo annuncio“.
Adesso facciamo degli esempi.
Ho un negozio di stampanti e la mia agenzia con all’interno l’Adwords Specialist super mega fighissimo si fa preparare dal team una serie di landig page per promuovere alcuni dei miei prodotti.
Bene, allora facciamo tre landing ad esempio:
1 – Vendita Stampanti
2 – Vendita Tonner
3 – Vendita cartucce a getto d’inchiostro
Ok, adesso per ogni landing verranno create una serie di campagne e una serie di gruppi di annunci ad hoc che punteranno sempre alla stessa landing, ad esempio molto velocemente.

 

Campagna Search ->
Gruppo Annunci ricerca Epson
Gruppo Annunci ricerca HP
Gruppo Annunci ricerca Samsung
ecc.

Campagna Display ->
Gruppo Annunci ricerca Epson
Gruppo Annunci ricerca HP
Gruppo Annunci ricerca Samsung
ecc.

E qui non vado oltre perchè è il lavoro dell’adwords specialist e non voglio rubare loro il lavoro.
Bene adesso abbiamo N Campagne x N gruppi di annunci x N annunci che puntano alle mie tre landing, fin qui tutto lavoro che solitamente fa l’adwords specialist e dove il reparto IT non mette quasi mai mano né tanto meno bocca.
Ogni gruppo di annunci contiene decine o centinaia di keywords esatte, inverse, generiche, a frase.
Sì, ma come può essere utile il reparto IT in questo caso per migliorare il punteggio di qualità?
Ogni landing intanto deve essere dinamica, quindi in Php, Asp, .Net, ecc. Io farò degli esempi in Php in quanto utilizzo prevalentemente questo linguaggio.
Cominciamo con il dire che Adwords passa i dati della keyword ricercata all’interno di una variabile GET definita all’interno del Referer

tipo:
‘http://www.google.it/aclk?sa=L&ai=CGNBjJzwLTvDhMMKP-Qak_8ntBras6vABxr2asCrVipwHEAIoAlCwprqZ_f____8BYP2Ks4S0E8gBAaoEHk_Q1egeV2SCAco5cLTVjb_IA8Hi35M-b1_31_GwJg&num=3&sig=AGiWqtyJXqfo858lkoOpKfXBCLjY036g0A&ved=0CA0Q0Qw&adurl=http://www.amazon.it/s/%3Fie%3DUTF8%26keywords%3Dstampanti%26tag%3Dslhyin-21%26index%3Delectronics%26hvadid%3D11279261270%26ref%3Dpd_sl_60djd0lwpg_b&rct=j&q=Stampanti%20Epson‘;

Come vedete c’è un q=NomeRicerca
Adesso che lo sappiamo possiamo costruirci il nostro programmino super dettagliato e ad ogni landing page possiamo associare subito il Title e l’H1 con la keyword inserita nell’annuncio.
Così Google e anche l’utente quando atterrerà nella pagina si troverà un bel titolo e un H1 identico alla ricerca effettuata.
Ehi, ma così aumenta il mio Punteggio di Qualità!
Eh già, ma non è finita qui, questo è solo lo step 1.
Step 2 :
Ad ogni Keyword o gruppo di keywords, l’Adwords Specialist può anche definire title, H1, test1 completamente personalizzati e foto.
Facciamo degli esempi :

trovo la keyword di Adwords o Yahoo o Bing

private function search_engine_query_string($url = false) {

if(!$url) {
$url = isset($_SERVER[‘HTTP_REFERER’]) ? $_SERVER[‘HTTP_REFERER’] : false;
}
if($url == false) {
return ”;
}

$parts = parse_url($url);
parse_str($parts[‘query’], $query);

$search_engines = array(
‘bing’ => ‘q’,
‘google’ => ‘q’,
‘yahoo’ => ‘p’
);

preg_match(‘/(‘ . implode(‘|’, array_keys($search_engines)) . ‘)./’, $parts[‘host’], $matches);

return isset($matches[1]) && isset($query[$search_engines[$matches[1]]]) ? $query[$search_engines[$matches[1]]] : ”;

}

In poche parole adesso ho la keyword pulita estratta.

Adesso associo landing e keywords a variabili personalizzate

$this->key[‘vendita-stampanti’] = array(
//’parola chiave’=>array(‘testo h1′,’testo corpo’,’testo title’, ‘altro1′,’altro2′ eccc….)
‘stampanti espon’ => array(‘aaaaaaa’,’ciccio’,’pluto’,”<img src=”http://www.dominio.it/fotoStampanteEpson.jpg“>’),
‘vendita stampanti epson’ => array(‘aaaaaaa’,’ciccio’,’pluto’),
‘stampanti scontate’ => array(‘aaaaaaa’,’ciccio’,’pluto’),
‘stampanti economiche’ => array(‘eeee’,’crrrrrriccio’,’ttttt’),
‘default’=>array(‘bbbbb’,’vvvvvv’,’ssssss’)
);

In questo modo sto associando una Landing $this->key[‘vendita-stampanti’] ad una serie di testi che voglio utilizzare, così nella mia landing di atterraggio invece di trovarmi solamente un Title e un H1 con la stessa keyword ricercata “vendita stampanti Epson” potrei fare in modo di avere anche:
– una foto con la marca della stampante che sto cercando Epson
- un titolo magari specifico “Vendita Stampanti Epson scontate del 20%”
- un testo che parla e promuove l’offerta per quella marca
ecc.
In questo modo con le mie tre landing posso in realtà coprire un numero infinito di keywords con un altissimo “punteggio di qualità” dando un valore altissimo al mio lavoro.
Ma al cliente finale cosa gliene frega?
Scusa, se il mio cliente avesse dovuto fare questo lavoro con le landing avrebbe dovuto creare 300 landing page, non tre. Così ha risparmiato migliaia di euro e noi siamo riusciti a fornire un servizio incredibile. Secondo te non è contento? Certo che è contento, gli assicurerai un servizio impeccabile e personalizzato.
Annnn adesso ho capito!
Dai ti svelo anche l’ultimo step, anche se non te lo meriti :-)
Ultimo Step di Integrazione?
Quante volte vi è capitato di vedere un e-commerce che non vende? Magario non usabile, magari brutto, magari lento (sul lento ci tornerò sopra in un altro articolo)? Bene, l’ultimo step è fare un Oggetto (definizione da programmatore) che richiami in automatico i prodotti in base alla ricerca effettuata dall’utente, direttamente all’interno delle tue landing.
EVVVVAAAAIIIIIIIIIIIIIIIIII hai rifatto l’e-commerce del cliente con tre landing….. Sei un mito!
In realtà non ho rifatto l’e-commerce, ho semplicemente riproposto i prodotti all’interno di un’altra pagina, magari con grafica e usabilità migliorata. La transazione finale la si va a compiere sempre all’interno dell’e-commerce del cliente.
Spero di essere stato utile a qualcuno.
E per gli Adwords Specialist che stanno leggendo, un consiglio: dovete farvi aiutare da un programmatore! :-)
Utilizzate il box commenti per condividere i vostri pareri!

Alla prossima, con i #BusinessTips
LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi