Lo shopping nel futuro: l’esperienza di acquisto sarà digical

Meglio acquistare online o in negozio? Tra dieci anni, l’esperienza di acquisto sarà sempre più digical!

Possiamo dire che gli attuali consumatori italiani, ma non solo, si dividono in tre grandi macro-categorie: chi acquista principalmente online, chi acquista esclusivamente in negozio e chi acquista indifferentemente online o in negozio. Alcuni titoli della stampa americana («Il grande esodo dai mall: Macy’s affronta con successo la crisi del Mall americano») azzardano ottime previsioni per il mondo digitale, ipotizzando che, tra non più di un decennio, per molti settori il web sarà il principale luogo di vendita dei propri prodotti e servizi.

> Scopri anche come fare link building nel 2015!

Tuttavia, la situazione reale non si esaurisce in un titolo di giornale, come spiega Andrea Petronio nel suo articolo per Retail Watch, le nuove tecnologie digitali stanno trasformando decisamente il settore della distribuzione e hanno già modificato notevolmente il modo in cui i consumatori acquistano, valutano, scoprono i prodotti e interagiscono con il personale: negli ultimi 20 anni, il mercato virtuale americano ha raggiunto il 6% delle vendite al dettaglio (esclusi benzina e servizi di ristorazione).

Come e quanto acquisteremo online tra dieci anni? 


Se il tasso di crescita degli ecommerce continua ad aumentare seguendo l’andamento attuale – seppur rallentato dai primi anni 2000 – le vendite online delle 30 categorie di prodotto top indicate da Forrester potrebbero contare un incremento del 18% entro il 2030. La musica sembra essere la maggior fonte di spesa per le nuove generazioni digitali, mentre gli investimenti più bassi riguardano l’acquisto di cibo, già pronto o meno.

Questo dato, tuttavia, non significa che la fine dei negozi fisici sia vicina. Anzi. Per ora possiamo solamente dire che alcuni mercati si stanno lentamente spostando verso le piattaforme virtuali, ma non che stanno abbandonando completamente la loro realtà fisica.

Dati Acquisto Amazon

Alcuni dati concreti

La metà dei prodotti venduti negli ecommerce arrivano comunque da negozi che hanno prima di tutto una presenza fisica. Giusto per fare qualche esempio: i cosiddetti Brick&Mortar controllano ancora il 94-97% del totale delle vendite al dettaglio; negli ultimi anni, le vendite online dei brand Apple e Macy’s hanno superato quelle di Amazon.

Diventa quindi sempre più difficile distinguere le vendite ecommerce da quelle classiche, soprattutto per i brand molto conosciuti e con sedi fisiche diverse: ipotizziamo infatti che un consumatore entri in un negozio Apple di Milano per acquistare un iPhone 6. Se in quello specifico momento il negozio avesse finito il prodotto, il consumatore potrebbe andarsene a casa e concludere il proprio acquisto direttamente dal telefono o dal computer tramite l’Apple Store e, di conseguenza, ricevere l’iPhone 6 desiderato direttamente a casa propria da uno dei negozi Apple più vicini. In questo caso, la vendita potrebbe essere considerata virtuale, ma non completamente.

Strategia Vendita Digical

I retail omnichannel: una vetrina sul mondo dei consumi 


Allo stesso tempo, per i consumatori dei cosiddetti «retail omnichannel», e cioè di quei negozi che registrano vendite attraverso due o più canali (ad esempio: un negozio fisico e un ecommerce), i siti web e le applicazioni non sono solo dei canali destinati all’acquisto facile e veloce, quasi compulsivo, ma delle vere e proprie vetrine sul mondo del consumo nelle quali prendere ispirazione per i propri investimenti; sono inoltre dei punti di riferimento per la restituzione dei prodotti e l’assistenza tecnica, grazie alla loro presenza fisica rassicurante.

L’esperienza di consumo Digical

Le tecnologie digitali, insomma, stanno trasformando il mercato mondiale di moltissimi settori, senza tuttavia eliminare definitivamente i negozi fisici, piuttosto integrandoli. L’abbinamento dei servizi classici con quelli virtuali crea e aumenta le opportunità di fare business e raggiungere potenziali acquirenti proponendo esperienze di acquisto «ibride» tecnicamente definite Digical Experience.

Ti piace questo post? Condividilo con i tuoi amici su Facebook!

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi

Trackbacks