Campagne Adwords a basso budget: come impostarle al meglio

Negli ultimi tempi l’aumento degli inserzionisti su Adwords ha fatto alzare anche in Italia il costo dei clic, richiedendo investimenti sempre più cospicui.

In questo articolo vedremo come rendere efficaci anche campagne adwords a basso budget.
1) come sempre, definisci accuratamente gli obiettivi per questa campagna. Lead, brand awareness, vendite, iscrizioni alla newsletter: avere ben chiaro il fine dell’attività significa impostare da subito parole chiave davvero correlate al tuo business.

2) trova la giusta corrispondenza delle parole chiave
Le aste sulle parole chiave a corrispondenza generica stanno diventando veramente costose. Per questo è bene concentrarsi su parole chiave a corrispondenza esatta – si scrive mettendo tra parentesi quadre [keyword] – o a frase – si scrive la parola chiave tra virgolette “keyword”.

3) abbonda con le parole chiave a corrispondenza inversa
Inserisci delle keyword che impediscono al tuo annuncio di essere pubblicato.

Uno degli obiettivi infatti dev’essere di non far entrare nel tuo sito utenti che non siano davvero interessati.
Tra le parole chiave che uso più di frequente, le parole “gratis” o “lavoro”, che denotano scarsità di interesse per il prodotto a cui sto dando visibilità.
Se le parole sono settate a livello di campagne, si possono raggruppare il elenchi che vanno impostati su “Libreria condivisa”, risparmiando tempo nell’inserimento.

parole chiave a corrispondenza inversa

4) utilizza i brand competitor come parole chiave

Una volta che vi sarete assicurati di non violare alcun copyright, potete usare i nomi dei vostri competitor come parole chiave, per visualizzare il vostro annuncio; questo vale soprattutto quando dovete fare awareness, in quanto l’annuncio non potrà contenere la parola chiave e avrà così una bassa pertinenza (e un basso punteggio di qualità, con un costo per clic più alto)

mailchimp

5) controlla le parole chiave che pubblicano gli annunci

andando su Parole Chiave > Dettagli >> Termini di ricerca >> Tutti puoi visualizzare quali parole chiave hanno attivato gli annunci. Questo permette di aggiungere parole chiave che non avevi considerato e di mettere a corrispondenza inversa altri termini che ti erano sfuggiti. Questa funzionalità rivela abitudini di ricerca insospettate.

tutti

 6) Usa la segmentazione per vedere in quali ore la campagna rende di più

Perchè pubblicare a tutte le ore se le conversioni arrivano, per esempio, tutte al pomeriggio, oppure se la sera ti costano troppo? Restringi agli orari con la miglior resa.

ora

7) Trova le località più redditizie

salvo indicazioni del cliente, puoi restringere le località su cui sei incampagna a quelle che danno performance migli

Lavorando con bassi budget, tutto il superfluo va eliminato.

8) essere in alto non significa fare la cosa giusta.

contrariamente a quanto si può pensare, essere nella parte alta della pagina non ci garantisce le migliori performance. Per questo tenere sotto controllo la posizione media degli annunci è fondamentale quando non si dispone di grossi budget. Essere oltre la terza posizione media infatti può comunque essere soddisfacente per il raggiungimento dell’obiettivo.
Per concludere: qual è il giusto budget per una campagna Adwords? a priori è impossibile da stabilire, ovviamente. Quello che mi preme sottolineare è che no nservono migliaia di euro al giorno per garantirsi visibilità.

Vuoi attivare un campagna Adwords per il tuo business? Contattaci!

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi