Analisi delle Parole Chiave: Consigli e Tools

La keywords research (analisi delle parole chiave) è una delle attività più importanti nell’ambito del search marketing in quanto permette di ricercare i giusti termini di ricerca (keywords) che gli utenti potrebbero utilizzare per cercare un determinato prodotto o servizio proposto dal sito che stai gestendo.

Come determinare il valore di una parola chiave?

Chiediti: la parola chiave è rilevante per il contenuto offerto dal tuo sito? Può generare un ritorno economico? Può dare una precisa risposta a colui che ha utilizzato la parola chiave come domanda?

Utilizza il motore di ricerca per cercare il termine: dai un occhio ai primi risultati che appaiono nella SERP, controlla anche gli annunci sponsorizzati poiché se appaiono significa che quel termine di ricerca è di alto valore con un elevato tasso di conversione (es: categorie alberghiere)

Fai attenzione alla “lunga coda” :Per capire cos’è la lunga coda dai un occhiata a questo grafico:

Grafico Lunga Coda

Il tratto di curva di colore rosso rappresenta le keywords composte da una sola parola, quindi molto generiche ad alto costo ed estremamente competitive.

Man mano che la parola chiave diventa più lunga, la competitività diminuisce e aumenta il tasso di conversione (tratto di curva verde).

In moltissimi casi, la lunga coda rappresenta quasi il 70% del traffico totale di un sito web!

Molto importante questo punto se devi seguire, per esempio, un progetto di ecommerce in quanto la teoria della lunga coda spiega che i prodotti di nicchia, tutti assieme, generano un fatturato che non è assolutamente trascurabile se messo a confronto con il fatturato dei prodotti più famosi.

Come cercare le parole chiave?

Per la ricerca e l’analisi delle parole chiave sono disponibili in rete una vasta quantità di tool gratuiti e a pagamento.

Vediamone alcuni.

Google Adwords’ keyword Tool

È lo strumento di ricerca delle parole chiave di Google Adwords.

Dati n° termini di ricerca inseriti, il software ti restituisce dei parametri importanti come la media di ricerche mensili (valori da prendere con le pinze) di ogni keyword inserita e ti suggerisce altri termini di ricerca che secondo Google sono pertinenti con la ricerca che hai effettuato.

Google Trends

Un altro tool proposto da Google che ti permette di capire il trend di ricerca di una o più parole chiave in un determinato arco di tempo.

E’ utile poiché puoi capire se il settore che stai trattando è in calo o in crescita, puoi vedere le ricerche correlate e la provenienza delle ricerche.

Google Webmaster Tools

Si tratta di un insieme di tool che permette di tenersi sempre aggiornati sullo stato dei siti web che si sta seguendo e ottimizzarli al meglio.

Puoi visualizzare parametri importanti come tempi di caricamento delle pagine (ultimamente Google tiene molto in considerazione i siti web leggeri e veloci nel caricamento), tempi di risposta del server, quantità di kb scaricati quotidianamente, eventuali errori di risposta delle varie pagine (errori 404 o errori 500), gestione microdati, invio e controllo sitemap, elenco keywords e query di ricerca, stato indicizzazione sito etc.

Semrush

Questo è un software a pagamento che analizza il trend dei siti competitors, restituisce dati importanti come le keywords utilizzate dagli utenti per accedere al sito, il posizionamento delle singole keywords con relativa media risultati per ogni singola, tasso di conversione, tasso di competitività…

Advanced webranking

Altro software a pagamento ma abbastanza completo. Puoi monitorare giorno dopo giorno i posizionamenti delle keywords dei siti web, quindi capire in tempo reale se il sito migliora o subisce delle penalizzazioni.

Screaming Frog Seo Spider

È uno spider che analizza tutte le pagine di un sito web e per ognuna ne restituisce alcuni parametri molto importanti per la SEO come per esempio i response code, inlinks e outlinks e dati relativi ai meta tags (title, description, h1).

Comando Allintitle: [keyword da cercare]

Non si tratta proprio di un software ma ci permette di avere delle informazioni importanti.

Nel form di ricerca di Google, digitando il comando allintitle: [frase da cercare], il motore di ricerca ti restituisce una lista di pagine indicizzate che contengono il termine [frase da cercare] all’interno del tag <title>.

Il numero di risultati viene indicato prima dell’inizio della SERP (circa n mila risultati, y secondi) ma si tratta di una stima non precisa ottenuta dalla cosiddetta deep-crawl, fatta una volta al mese, e potrebbe inoltre contenere dei risultati duplicati.

Per conoscere il numero esatto di risultati è necessario scorrere la paginazione dei risultati fino a fine serp (esempio per la keyword “vendita dvd panasonic” – ecco i risultati in SERP)

Consigli Analisi Keywords

Consigli Analisi Parole Chiave

(situazione iniziale)

Seo Analisi Parole Chiave

Seo analisi Keywords

(scorrendo fino a fine pagina)

In base al valore finale che appare a fine lista possiamo definire, in una scala che va da 0 a 100, quanto competitivo possa essere il termine che stiamo cercando.

Dopo varie analisi, possiamo stimare che

  • da 0 a 20 risultati: il livello di competitività della keyword è estremamente basso, quindi è facilmente posizionabile in un brevissimo arco di tempo nelle prime 2 pagine della serp
  • da 21 a 40 risultati: il livello di competitività della keyword rimane sempre basso. Ci vorrà un po’ più tempo perché si posizioni nelle prime 2 pagine della serp
  • da 40 a 60 risultati: il livello di competitività della keyword inizia ad aumentare. Il posizionamento potrebbe avvenire nell’arco di uno o due mesi
  • da 60 a 100 risultati: il livello di competitività è molto elevato. Per posizionare la keyword ci vorranno quasi sicuramente più di 2 mesi
  • oltre 100 risultati: livello di competitività estremamente elevato. Bisogna investire un sacco di tempo e budget per posizionare il termine di ricerca

Con questi tool è possibile compiere ricerche abbastanza precise e trovare una keyword list performante e di successo.

Come ultima cosa, c’è da sottolineare il fatto che il buon posizionamento e il relativo traffico generato in un sito si ottengono non solo per tutto ciò che è stato detto finora, ma soprattutto dall’efficienza del sito web stesso e dall’importanza che gli attribuisce il motore di ricerca.

Vuoi posizionare sui motori di ricerca il tuo sito? Contattaci!

LinkedInDeliciousEmailFacebookCondividi